CONTENUTO DELLA PAGINA

CULTURA E TURISMO

CULTURA E TURISMO

S.I.C. Monti Russu

La Regione Sardegna è tra quelle che, in ambito Europeo, mostra elevati valori di biodiversità: la posizione geografica, le vicende geologiche e quelle paleoclimatiche hanno determinato un enorme varietà di ambienti, che ospitano un ricco insieme di specie animali e vegetali. A livello Europeo, negli ultimi anni, sono stati diversi gli strumenti legislativi finalizzati alla conservazione di tali risorse naturali: tra questi la Direttiva CEE 92/43, conosciuta anche come Direttiva Habitat, contiene i criteri per l'individuazione dei Siti di Importanza Comunitaria, aree che contribuiscono al recupero di siti naturali ed alla conservazione di specie di interesse Comunitario.
L'obiettivo della Direttiva Habitat è, difatti, quello di creare una rete Europea, denominata Natura 2000, di zone speciali di tutela attraverso le quali garantire e promuovere azioni finalizzate alla conservazione della biodiversità tramite la salvaguardia dei siti naturali e delle specie della flora e della fauna presenti nella loro area di ripartizione.

Il regolamento LIFE, all'interno di tale direttiva, costituisce lo strumento finanziario di sostegno alla politica ambientale comunitaria. In particolare il ''Life Natura'' contribuisce all'applicazione delle direttive Habitat e Uccelli (Dir.92/43 e Dir. 79/409 CEE) per la costituzione della citata rete europea Natura 2000.

In Sardegna sono stati individuati 114 siti di interesse comunitario, tra i quali il nostro ''Monti Russu''. Esso si estende lungo la costa Nord Occidentale della Gallura in un territorio compreso tra la località di Vignola e Rena Majore.
Il S.I.C ''Monti Russu'' comprende quasi integralmente la porzione di fascia costiera che ricade all'interno del territorio del Comune di Aglientu (Sardegna nord-orientale).

Lungo la fascia costiera, gli aspetti più interessanti e suggestivi del paesaggio sono quelli geomorfologici: estese falcate sabbiose, testimonianti la presenza di estesi corpi dunari di origine quaternaria, si alternano ad una costa rocciosa bassa e frastagliata che in alcuni tratti si eleva bruscamente sulla superficie del mare (Promontorio di Monti Russu); tali aspetti del territorio, oltre ad evocare immagini visive di forte emozione, determinano una grande varietà di ambienti, di elevato pregio naturalistico; alcuni di questi ambienti, per la loro specificità ecologica e per l'eccellente stato di conservazione (elevato grado di naturalità) sono considerati molto interessanti sotto il profilo naturalistico e rappresentano un modello di salvaguardia, riconosciuto a livello Europeo.

Una natura magica e bella, rappresentata da un mosaico di ambienti che offrono ai numerosi visitatori opportunità di svago e di conoscenza. Dalle verdi e profumate pinete (Pinus pinea e Pinus pinaster) che bordano la provinciale Castelsardo - Santa Teresa si articolano una serie di sentieri natura che, collegandosi ad una vecchia carrareccia che costeggia il mare, consentono di visitare l'intero margine costiero, tra arbusti di fitta macchia mediterranea, lembi di deserto, scogliere interrotte da piccoli lembi di spiagge.

Per i visitatori più esigenti, l'opportunità di osservare i diversi aspetti che il paesaggio vegetale presenta, conseguenza delle diverse condizioni ecologiche dei diversi ambienti presenti. Alcune aree del sito (aree umide e falesie rocciose) costituiscono inoltre un osservatorio naturale per il BIRD WATCHING; il contingente faunistico, annovera la presenza di alcuni uccelli marini come il marangone dal ciuffo (Phalacrocorax aristotelis) ed il gabbiano corso (Larus audouinii); lungo i principali corsi d'acqua sono presenti comunità ornitiche, caratteristiche delle zone umide; oltre a rappresentare siti di svernamento di laridi e ardeidi, tali ambienti vengono scelti come sito di nidificazione da numerose specie, alcune delle quali di interesse Comunitario.

Torna all'inizio della pagina

AIUTI, SOTTOMENU DELLA PAGINA E ALTRE SEZIONI DEL SITO

Torna all'inizio della pagina