Vai a sottomenu e altri contenuti

Autorizzazione alla gestione provvisoria

Il procedimento disciplina l'autorizzazione all'affidamento ad altri soggetti delle attività oggetto della concessione, ai sensi dell'articolo 45bis del Codice della Navigazione.

Il concessionario che intenda avvalersi di terzi, o comunque affidare a terzi, tutte le attività oggetto della propria concessione demaniale marittima o parte di esse deve essere a ciò preventivamente autorizzato dagli uffici comunali.

Le istanze di gestione provvisoria nella CDM, corredate dalla documentazione necessaria, devono essere presentate presso l'Ufficio Demanio marittimo del Comune.
La domanda protocollata è assegnata al Responsabile del procedimento, il quale procede all'istruttoria della pratica. Il provvedimento finale è adottato dal Responsabile del servizio entro 30 gg. dalla data di presentazione della richiesta, salvo espresso provvedimento negativo adottato dal Responsabile del Servizio e notificato al richiedente.

Responsabile del Servizio: Dr. Fabrizio Porcu
mail: fabrizioporcu@comune.aglientu.ot.it
telefono: +39 079 657 9109

Responsabile del Procedimento: Geom. Alessandro Fela
mail: alessandrofela@comune.aglientu.ot.it
telefono: +39 079 657 9107

Titolare del potere sostitutivo in caso di inerzia del responsabile del procedimento: Dr. Fabrizio Porcu
mail: fabrizioporcu@comune.aglientu.ot.it
telefono: +39 079 657 9109

Titolare del potere sostitutivo in caso di mancata adozione del provvedimento: Dr.ssa Cristina Venuto
mail: segretariocomunale@comune.aglientu.ot.it
telefono: +39 079 657 9104

Requisiti

Essere concessionari di CDM.

Costi

Marca da bollo del valore di € 16,00. Diritti di segreteria: € 51,65. Spese istruttoria pratiche: € 60,00.

Normativa

R.D. 30 marzo 1942, n. 327
d.P.R. 2 dicembre 1997, n. 509
Legge Regionale 12 giugno 2006, n. 9

Incaricato

Geom. Alessandro Fela

Tempi complessivi

30 gg. dalla data di presentazione della domanda.

Termini e modalità di ricorso

Ricorso giurisdizionale al T.A.R. Sardegna entro 60 giorni o ricorso straordinario al Presidente della Repubblica entro 120 giorni dalla data di rilascio del provvedimento.