Vai a sottomenu e altri contenuti

Denuncia di inizio attività

Il procedimento disciplina la possibilità di attivare con denuncia di inizio attività gli interventi relativi a:

  • opere di manutenzione straordinaria, restauro e risanamento conservativo;
  • opere di eliminazione delle barriere architettoniche in edifici esistenti consistenti in rampe o ascensori esterni, ovvero in manufatti che alterino la sagoma dell'edificio;
  • muri di cinta e cancellate;
  • aree destinate ad attività sportive e ricreative senza creazione di volumetria;
  • le opere costituenti pertinenza ai sensi dell'articolo 817 del Codice Civile;
  • revisione o installazione di impianti tecnologici al servizio di edifici o di attrezzature esistenti e realizzazione di volumi tecnici che si rendano indispensabili, sulla base di nuove disposizioni;
  • varianti a concessioni edilizie già rilasciate che non incidano sui parametri urbanistici e sulle volumetrie, che non cambino la destinazione d'uso e la categoria edilizia e non alterino la sagoma e non violino le eventuali prescrizioni contenute nella concessione edilizia;
  • parcheggi di pertinenza nel sottosuolo del lotto su cui insiste il fabbricato;
  • le vasche di approvvigionamento idrico ed i pozzi;
  • le opere oggettivamente precarie e temporanee;
  • i pergolati e i grigliati.

La denuncia di inizio attività deve essere presentata almeno 30 gg. prima dell'effettivo inizio dei lavori presso lo Sportello per l'edilizia del Comune, accompagnata da una dettagliata relazione a firma di un progettista abilitato e dagli opportuni elaborati progettuali, che asseveri la conformità delle opere da realizzare agli strumenti urbanistici approvati e non in contrasto con quelli adottati ed ai regolamenti edilizi vigenti, nonché il rispetto delle norme di sicurezza e di quelle igienico-sanitarie.
La denuncia di inizio attività protocollata è assegnata al Responsabile del procedimento, il quale procede all'istruttoria della pratica. Le opere soggette ad autorizzazione possono essere realizzate decorso il termine di 30 gg. dalla data di presentazione della richiesta, salvo espresso ordine motivato di non effettuare il previsto intervento a firma del Responsabile del Servizio e notificato al richiedente.

La facoltà di procedere con denuncia dì inizio attività non si applica agli immobili assoggettati, con specifico provvedimento amministrativo, dalle competenti autorità ai vincoli di carattere storico - artistico, ambientale e paesaggistico, salvo preventiva acquisizione dell'autorizzazione rilasciata dalle competenti autorità preposte alla tutela del vincolo.

Responsabile del Servizio: Dr. Fabrizio Porcu
mail: fabrizioporcu@comune.aglientu.ot.it
telefono: +39 079 657 9109

Responsabile del Procedimento: Geom. Alessandro Fela
mail: alessandrofela@comune.aglientu.ot.it
telefono: +39 079 657 9107

Titolare del potere sostitutivo in caso di inerzia del responsabile del procedimento: Dr. Fabrizio Porcu
mail: fabrizioporcu@comune.aglientu.ot.it
telefono: +39 079 657 9109

Requisiti

Essere proprietari, possessori o detentori, a qualsiasi titolo, dell'immobile o dell'area oggetto di intervento.

Costi

Marca da bollo del valore di € 16,00. Diritti di segreteria: € 50,00. Spese istruttoria pratiche: € 20,00.

Normativa

d.P.R. 6 giugno 2001, n. 380
Legge Regionale 11 ottobre 1985, n. 23

Incaricato

Geom. Alessandro Fela

Tempi complessivi

30 gg. dalla data di presentazione della domanda.

Termini e modalità di ricorso

Ricorso giurisdizionale al T.A.R. Sardegna entro 60 giorni o  ricorso straordinario al Presidente della Repubblica entro 120 giorni dall'inizio attività.